Archivio tag: siena

Persistenze o rimozioni 7: il passato del presente

 

Il programma di PoR7

 

Giovedì 4 e venerdì 5 maggio, presso il dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università di Siena, si svolgerà il settimo appuntamento di “Persistenze o rimozioni”, che quest’anno avrà come tema “Il passato del presente. Usi e abusi della storia nella formazione delle identità collettive”. Saranno analizzati diversi temi per definire il ruolo della storia nella costruzione delle identità nazionali e collettive. Per informazioni più dettagliate è possibile visitare il sito del progetto “Persistenze e Rimozioni”: http://persistenzeorimozioni.wordpress.com/

Ambiente, rischi e prevenzione: la lezione giapponese

Il 25 maggio 2012 ORENT organizza, insieme al comune di Siena e all’associazione Neverland un convegno dal titolo:  “Ambiente, rischi e prevenzione: la lezione giapponese”.

Il simposio è inserito nel calendario di iniziative della rassegna “Paesaggi di cultura giapponese”, che si terrà a Siena dal 13 aprile al 10 luglio 2012, presso il complesso del Santa Maria della Scala.

Il progetto pone l’attenzione sull’enorme tragedia che ha investito il Giappone nel marzo 2011 e propone uno spaccato della cultura giapponese, attraverso una serie di appuntamenti (conferenze, convegni, mostre, laboratori formativi); una riflessione su un tema di grande attualità che unisce aspetti tradizionali a linguaggi e temi del contemporaneo.

Il blog della rassegna : Paesaggi di cultura giapponese

 

Ambiente, rischi e prevenzione. La lezione giapponese

Complesso museale Santa Maria della Scala, Siena

ore 15:30, Sala Italo Calvino

 

relatori:

DAVID E. ALEXANDER, Global Risk Forum – Davos

GIANNI SILEI, ORENT- Università di Siena

YUKARI SAITO, Università di Pisa, Centro di documentazione Semi sotto la neve

FLAVIO PARISI, giornalista (in collegamento dal Giappone)

FABIO MASSIMO ROSSI e CARMEN SESSA, Legambiente

LUCIANO ROSSETTI, Direttore Organizzazione Soci Unicoop Firenze

Modera Stefano VENTURA – ORENT (Osservatorio rischi ed eventi naturali e tecnologici)

La salvaguardia del patrimonio culturale dai rischi naturali



 

 

 

 

 

La Convenzione UNESCO sul Patrimonio Mondiale (Parigi, 1972) riporta all’art.11, comma 4, le minacce che pesano sui Beni Culturali: “conflitti armati, calamità e cataclismi, grandi incendi, terremoti, frane, eruzioni vulcaniche, inondazioni” oltre a “degrado, rapido sviluppo urbano e turistico ed inquinamento“.

La nascita nella città di Siena di un gruppo Legambiente – Protezione Civile Beni Culturali risponde quindi all’esigenza di diverse associazioni del territorio di formare volontari all’uso delle tecniche base per contribuire alla salvaguardia del patrimonio artistico da tali minacce.

L’esperienza maturata in occasione di diverse emergenze, ultima quella del terremoto in Abruzzo, ha difatti dimostrato quanto è importante per il nostro paese poter disporre anche in questo settore delle energie e delle capacità del volontariato.

Pertanto Legambiente Siena, con la collaborazione di numerosi partner e istituzioni, ha organizzato il corso di formazione “Il Volontariato nella Salvaguardia del Patrimonio Culturale dai Rischi Naturali” , che si svolgerà il prossimo Maggio 2011 per fornire ai volontari i mezzi tecnici e formativi adatti al recupero e alla messa in sicurezza di beni culturali dai rischi naturali.

Alla fine di questo percorso formativo gli allievi matureranno la mentalità e la predisposizione ad affrontare con professionalità, spirito di squadra e in sicurezza, la messa in sicurezza di beni di diversa natura, adoperando correttamente i supporti messi a loro disposizione.

Saranno fornite inoltre conoscenze sulle leggi e sulle Istituzioni preposte alla tutela del patrimonio culturale, con particolare riferimento all’area territoriale.

Con il patrocinio di Scuola Superiore Santa Chiara

Con la collaborazione di Arciconfraternita  Misericordia  di Siena, CESVOT, Pubblica Assistenza di Siena,  Circolo Legambiente “Lafoenna” di Sinalunga e Circolo Legambiente “Valdichiana” di Chianciano Terme.

scarica qui la brochure